Non si perdano di vista i valori

Non si fa che parlare di immigrazione e di immigrati, di clandestini e di protezione dei confini nazionali. Si discute più per demagogia che per la voglia concreta di affrontare quello che più che un problema è una realtà: ci sta chi fugge dalla guerra, dalla fame, portando su quei barconi aspettative spesso deluse e chi specula sulla povertà e sulla speranza. La virtù sta sempre nel mezzo: non ci si può girare dall’altro lato e non ascoltare il grido di aiuto dei più sfortunati, così come non si può non sottovalutare la quota di criminalità nascosta tra chi cerca un futuro. Oggi, pensando a tanti uomini, donne e bambini che affrontano quei viaggi di paura e di speranza mi è tornato in mente un passo di Erri De Luca, in ‘Storia di Irene’.

“Per quelli che l’attraversano ammucchiati e in piedi sopra imbarchi d’azzardo, il Mediterraneo è un buttadentro. Al largo d’estate s’incrociano zattere e velieri, i più opposti destini. La grazia elegante, indifferente di una vela gonfia e pochi passeggeri a bordo, sfiora la scialuppa degli insaccati. Non risponde al saluto e all’aiuto. La prua affilata apre le onde a riccioli di burro. Dalla scialuppa la guardano sfilare senza potersi spiegare perché, inclinata su un fianco, non si rovescia, affonda, come succede a loro. Qualcuno di loro sorride a vedere l’immagine della fortuna. Qualcuno ci spera, di trovare un posto in un mondo così. Qualcuno di loro dispera di un mondo così.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: