Dare delle capre agli abruzzesi (con una b mi raccomando) è volgare e vergognoso. Viva l’abruzzo!

Non mi piace parlare di politica, specie in questo mio spazio. Oggi concedetemi una eccezione, perché trovo troppo semplice nascondersi dietro un ‘a chiunque scappa una ingiuria ogni tanto’ per giustificare comportamenti indecorosi. Per questo voglio stigmatizzare anche qui quanto scritto da un simpatizzante (non importa di quale schieramento politico) contro gli abruzzesi rei, secondo la sua alta opinione, di aver sbagliato a votare nel corso dello scorso weekend.

Vi allego il mio editoriale di oggi su baraondanews.it

Sì, ci si può anche sfogare nella vita o inveire contro qualcuno, ma esistono dei limiti di decenza che non andrebbero superati. In politica si vince e si perde, si amministra bene o male. Si fanno proclami e si raccontano favolette, si attuano o si tenta di attuare programmi e non sempre vi si riesce.

Il popolo è sovrano, almeno così dovrebbe essere e secondo la costituzione esercita un diritto civico. In Abruzzo (con una b) gli elettori, hanno scelto di premiare il centrodestra, bocciando, evidentemente la politica nazionale del Movimento 5 Stelle.

Chi perde consensi deve analizzare il motivo per cui li ha persi, piuttosto che inveire contro gli elettori. Questo è sempre un segno di debolezza anche quando a scrivere determinate affermazioni vacue e prive di senso, sono persone che poco contano (i leader nazionali hanno ovviamente per intelligenza seguito strade più consone nell’analizzare il voto) nello scacchiere politico. Soprattutto oggi, nel mondo mediatico in cui viviamo, in cui una parola viene amplificata nel lasso di pochi secondi. E allora quel ”vojo vedè quante capre abruzzesi (sempre con una B, mannaggia) chiederanno il reddito di cittadinanza”, in un momento è diventato di dominio nazionale anche se pronunciato da uno sconosciuto per gli abruzzesi (una b per carità).

Dare delle capre agli elettori o addirittura augurarsi un terremoto è spiacevole e volgare. Può essere goliardia o sfottò, ma non lo si può affidare alla rete pensando che non si riceva indietro una sassata in faccia. E fanno bene gli abruzzesi a sentirsi offesi, non tanto per le capre, ma soprattutto per aver visto storpiare il nome di un popolo di lavoratori, solidali e ospitali.

Qui il link all’articolo: https://baraondanews.it/membro-dei-5-stelle-da-delle-capre-agli-abruzzesi-con-una-b/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: